05 apr 2013

Però è un Gran Bel Film!



Cinema e moda. Connubio che non può che far pensare immediatamente alle dive che indossavano e continuano a vestire ruoli e abiti sempre differenti. 

Nelle prime pellicole degli anni 20 erano le stesse attrici a provvedere ai propri abiti, ma ben presto ci si rese conto dell'importanza della figura della costumista. I frequenti primi piani rendevano assolutamente necessario che ogni dettaglio fosse impeccabile, per soddisfare l'obbiettivo.

Solo negli anni '30 però, grazie all'affermazione dello star system hollywoodiano, il cinema ha iniziato a influenzare fortemente la moda fino a importi come canale di diffusione di stili e tendenze.

Chi non ha desiderato indossare il sensualissimo abito bianco di Marilyn Monroe che, sollevato da un colpo di vento sopra le grate della sotterranea, è divenuto uno dei più noti della storia del cinema. 
Come si può indossare un filo di perle, un foulard annodato al collo e una "Kelly" e non sentirsi un po' diva come Grace? Lo stile più semplice e raffinato, è fortemente radicato nella mente di ognuno di noi sotto il nome di Audrey Hepburn.

Il cinema è legato fortemente alla moda fin dal principio, in quanto rappresenta ciò che siamo, caratterizza l'essenza del personaggio ed è senza dubbio lo specchio dell'epoca che si vuole rappresentare.

La cinematografia è la crasi di diverse arti, come la moda, la letteratura, la musica, la filosofia, il teatro... 
Affascina, rilassa, distrae. E' illusione o rappresentazione del vero. Può conquistare solo per una sera o diventare ragione di vita. Sono in tanti a crederci, a lavorare in questo settore o aspirare di farne parte. 

Ogni anno c'è un gruppo di giovani che lavora un po' come le costumiste di un tempo. Duramente, ma con tanti sogni nelle tasche e un comune obbiettivo. Portare il cinema in giro per l'Italia e ospitare durante il tour giovani registi provenienti da tutto il Mondo. Definirlo festival è riduttivo.

Cinemadamare è un progetto nato nel 2003 da un'idea di Franco Rina, giornalista di LA7. Un'idea che ha funzionato e continua a farsi strada. Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto e solo. 210 cortometraggi girati. Workshop e momenti d'incontro con note personalità del settore come Wim Wenders, Ken LoachGiuseppe Tornatore, Margarethe von trotta, Giuliano Montaldo, Amos Gitai, Vincenzo Cerami, Krzysztof Zanussi, Nicola Piovani.

Perché la verità è che c'è fame di cinema. C'è voglia di mettere in scena le proprie idee, il proprio punto di vista e perché no, il proprio talento!







3 commenti:

  1. Interessante post, complimenti !!!

    RispondiElimina
  2. il prossimo in Basilicata non me lo perderò!
    vero che bello sarebbe interpretare con una serie di outfit qualche bel film.. mi hai dato degli spunti.
    baci

    RispondiElimina
  3. Come sempre un post interessantissimo, non conoscevo questo progetto!
    Torna presto a trovarmi su Cosa Mi Metto???
    Win your favorite garment from Lashes of London!!

    RispondiElimina